Un tuffo nella Roma proibita del periodo rinascimentale

Con i suoi libri ha aperto uno squarcio illuminante sulla vita quotidiana e la dimensione più realistica dei processi alle streghe in molti paesi d’Europa, ricostruendo nel dettaglio una realtà avvolta spesso nella leggenda e in fantasiose per quanto irrealistiche suggestioni. Ora Monia Montechiarini torna in libreria con “Streghe, avvelenatrici, cortigiane di Roma. Il quaderno, le pozioni e gli archibugi”. Bellezza, Fiore, Luna e Lucusta: sono solo alcuni dei nomi delle “donne di mala vita” incontrate nei documenti processuali. L’autrice ricostruisce le storie e i profili criminali di quelle “dedite al generoso commercio col peccato” e alle pratiche stregonesche. Incontreremo il caso sorprendente della guaritrice istruita e il suo quaderno con “tucti li segreti del mondo”. Scopriremo pozioni salutari, unzioni magiche e le dosi dei veleni impiegati come antidoti fin dall’antichità. L’autrice spiega ricette e formule per “far bello el viso”, sperimentate anche da un notaio, tra fiele di cervo o cicuta contro tumore e lussuria.

Indagheremo sugli unguenti che trasferivano i poteri da Satana alle donne, sui motivi che portarono un giudice ad affermare che esse “siano facili a dar veleno”, a incendiare la lussuria, fino a stilare una lista di consigli per i colleghi. Tra avvelenatrici di Campo de’ Fiori, forestiere e cortigiane “oneste”, incontreremo nei rioni le donne difese da soldati, medici e spadaccini complici, insieme a eroine condannate ingiustamente e donne ribelli. Risalendo alle radici della magia, conosceremo il mistero delle bambole voodoo romane, degli amuleti e le divinità femminili, fino alle pratiche comuni a tutto il territorio. Il libro indaga cercando di capire l’origine delle accuse e le rivalità tra colleghe, svelando i segreti nascosti dietro a esse, per ridare voce alle protagoniste accusate in virtù delle loro professioni o abilità. Giurista e scrittrice. Esperta di diritto, da vent’anni Monia Montechiarini ricostruisce i veri processi contro le streghe, indagando in tutta Europa. Redige progetti europei collaborando con enti in U.E., ed organizza convegni anche col patrocinio del Mibact. Relatrice in importanti rassegne come il “Festival del Medioevo” e corsi. I suoi saggi “Streghe, Eretici e Benandanti del Friuli Venezia Giulia” (Intermedia Ed., 2021) e “Stregoneria: Crimine cemminile” sono un successo.

 

Condividi sui social

Altri libri di claudio lattanzi

Il pozzo di san Patrizio e della Cava, due capolavori dell’ingegno umano

Marzo 23, 2022

Orvieto nel Medioevo

Dicembre 16, 2021

Scacco al monsignore

Dicembre 16, 2021

Orvietopoli

Dicembre 16, 2021

La Mafia in Umbria

Dicembre 16, 2021

La Zarina

Dicembre 16, 2021

I Padrini dell’Umbria

Dicembre 16, 2021

Tuscia misteriosa e insolita

Dicembre 16, 2021

Amore e sesso al tempo degli Etruschi

Dicembre 16, 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.